tutorial

Il taglio di IsLaura

23 ottobre 2015

IsLaura-e-Gianluca

Laura, ciao, come ti tagli i capelli?

Cioè, qualcuna di voi mi chiede come faccio ad avere un taglio così, il taglio di capelli, intendo. Questa cosa mi è successa 2 volte in 2 giorni.

Sono immensamente contenta che piaccia, azzarderei, enormemente! Sono contenta perché penso di stare da schifo e ci sono arrivata per eliminare un problema, non risolverlo, ma eliminarlo drasticamente.
Come per  tante cose, forse l’avete capito, tendo a fare da me. Faccio quasi tutto da sola e devo confessare che in alcuni casi risulta una brutta abitudine farcita di cocciutaggine e ostinazione, dove per tutto significa dallo sgorgo fogne, passando per il riparo elettrodomestici, al taglio dei capelli per tutta la famiglia.

Non mi ha insegnato nessuno, nessuna scuola, nessun video su You Tube, nessun tutorial sparso. Solo un’abbondante manualità e tanta voglia di risolvere i piccoli problemi quotidiani senza l’aiuto di nessuno.

In questo modo risparmio e mi diverto.

Tornando ai capelli:
la mia personalissima soluzione, per il taglio, l’ho trovata nell’utilizzo del rasoio, uso 2 lunghezze diverse una per la parte dietro e una più lunga per la parte di testa superiore, ovviamente la parte inferiore verrà rasata con il pettinino più corto.
Anche al colore penso io da quando sono iniziata a diventare grigetta sulle tempie.

Ho provato a farmi scura, ma sto malissimo!

I colpi di sole sono impossibili da fare su una lunghezza del genere (rischio leopardo malato) per cui la soluzione più sbrigativa e senza tante storie è stata prendere la via della decolorazione.
Forse non è la soluzione per tutte, ma la mia sì.

Chi ha la cute delicata magari prima può provare sul polso, o faccia una tinta, il colore non sarà bianco, ma più giallino. Decisamente meno aggressivo, sia agli occhi che alla pelle!

Poco tempo di posa, velocità di esecuzione e costo minimo.

Uso ossigeno a 40 volumi, apro una bustina di decolorate, ne verso la metà dentro una scodella e miscelo con una parte di ossigeno che mi consente di avere un composto; papposo e puzzolente.

La pozione non la conosco, cioè verso gli ingredienti un po’ a caso e cerco di creare una pappetta consistente.

Che non coli.

Dopo averla distribuita sui capelli, mi copro con della carta stagnola e aspetto. 20 minuti per me bastano.

Risciacquo e voilà, esco così!

IsLaura-

Quest’estate mi sono rasata di brutto, e per ovviare al quel “non taglio” mi sono fatta la riga rasata. Insomma la riga rasata conferisce una sorta di: non volevo farlo ma l’ho fatto e c’ho messo pura una riga di traverso…

A me piace tantissimo e ce l’ho ancora.

Ora passerei ai pro e i contro, perché portare un taglio del genere non è facilissimo.

IsLaura

I pro:

  • si lavano e si asciugano in un attimo;
  • ci si può scordare l’esistenza del pettine, degli elastici, delle mollette…
  • se cadono nel piatto fanno meno schifo di un capello lungo;

I contro:

  • taglio frequente;
  • decolorazione o tinta frequente;
  • assumere la consapevolezza di non avere più capelli e cioè che tutto esce. Non si ha più possibilità di scampo, escono in ordine sparso; orecchie, brufoli, naso, rughe e teste fatte male. Nulla si può più nascondere.

IsLaura-

Io sono contenta della mia pettinatura anche se delle mattine non mi riconosco ancora tanto, anche se qualcuno storce il naso, ma penso che in questo momento non potrei essere diversa.

Io sono quella che vedete, rasata e felice!

Potresti essere interessato anche a :

6 Comments

  • Reply ilfilodiarianna13 24 ottobre 2015 at 16:45

    stupendissima,…..

  • Reply Marina 26 ottobre 2015 at 14:42

    ti dona, e non poco 🙂

    • Reply IsLaura 27 ottobre 2015 at 14:21

      Grazie Marina! 🙂

  • Reply Tiziana 13 gennaio 2016 at 17:56

    Molto bella, mi salvo il post per quando avrò il coraggio di farlo anche io dato che ho i capelli lunghi “per noia”.

    • Reply IsLaura 13 gennaio 2016 at 20:46

      Un bacio!
      Poi foto ehhh 🙂

  • Reply Tiziana 17 gennaio 2016 at 18:52

    Certo!

  • Leave a Reply