carta, collaborazioni, estate, orecchini, sponsor, tutorial, tutorial bimbi

#esperienzacreativa con i cartoni delle uova

25 luglio 2013

orecchini con il cartone delle uova

Le uova sono quasi il mio alimento preferito. I perchè sono tanti, sono graditi al mio palato, sono facili da cucinare, sono ricche di elementi nutritivi importanti e sono di breve masticazione.

Cioè sono anche pigra nel masticare, veramente lo son sempre stata, se uno è pigro, è pigro veramente in tutto, anche nel serrare le mandibole ripetutamente per mandar giù qualche boccone.

In casa nostra sono state le prime cose che i miei figli hanno imparato a cucinare senza l’aiuto di un adulto, l’importante è riuscire a non mangiare il guscio, poi vanno bene cotte in qualsiasi modo, personalmente le preferisco strapazzate, alcuni componenti della grande family, sode, altri in camicia. Un unico dato di fatto rilevante, le uova sode non le sopporto, oltre a sbagliare strategicamente i tempi di cottura, trovo odio nel pulirle, quelle che capitano alla sottoscritta pare abbiano attaccato il guscio all’albume e se cerco di staccarlo, viene via un pezzo enorme d’uovo. E poi una volte nettate di tutto punto, puzzano, ecco , l’ho detto.

Lo so, utilizzo uova troppo fresche, ma dato che ne mangiamo tante, son sempre irrimediabilmente fresche di supermercato.

Così mi ritrovo con tanti contenitori di cartoni e la possibilità di utilizzarli per qualche lavoretto. A Natale avevo fatto una ghirlanda  poco dopo ne avevo utilizzato delle strane protuberanze per farne degli orecchini con teschio e oggi una cosa molto semplice, pendenti colorati con i pastelli a cera.

Per vedere che cosa ho combinato e come, potete andare su Filastrocche e troverete il tutorial completo!

orecchini pendenti con cartone delle uova

 Emma con orecchini in cartone

Potresti essere interessato anche a :

No Comments

  • Reply Roberta 25 luglio 2013 at 23:39

    Li trovo stupendi. Complimenti per il tuo blog!

    • Reply islaura 26 luglio 2013 at 9:02

      Grazie Roberta 🙂

  • Reply laura 26 luglio 2013 at 8:06

    acc! non ti piacciono le uova sode????
    avrei voluto proporti una cosa: gli egg mold..hihihih
    ovviamente io li ho…in effetti quale oggetto inutile io non ho??? più è inutile più ha diritto di entrare in casa mia 🙂

    provo a linkarteli:

    http://3.bp.blogspot.com/-5DPVH_lqofc/T6WFKHur9CI/AAAAAAAAHVI/OVFy4Ekiwro/s400/egg+mold+set.jpg

    se non li vedi col link fai una ricerchina su google 🙂
    io ho il coniglietto, l’orsetto, il cuore e la stella

    • Reply islaura 26 luglio 2013 at 9:05

      Ma porca miseria, ma se deve rompere l’uovo e poi si fa bollire, cioè una figata, mi potrebbero anche piacere.

      No così mi piacciono di sicuro, spiegami come funzionano, ci rompi l’uovo e lo metti a bollire?

      Grazie delle dritte importantissime. Adesso vado alla ricerca 🙂 un bacio
      🙂 🙂 🙂

      • Reply laura 26 luglio 2013 at 9:22

        eh no…purtroppo priama devi fare quei lavori che odi tanto…
        infatti si fa bollire l’uovo sodo normale con il guscio. poi lo devi pelare.
        e qui viene il bello: siccome quegli aggeggi sono stati creati dai giapponesi (là vanno di moda tantissimo!) bisogna passare dalla fase “harakiri” 🙂
        ovvero le uova vanno sbucciate quando sono ancora bollenti/ustionanti 🙂
        si mettono nelle formine e si chiudono con l’apposito gancino.
        si mettono in un contenitore con acqua fredda/gelata per 15/20 minuti.
        poi si aprono e voilà.

        siccome ami il riciclo, su internet trovi anche dei tutorial di chi li fa a forma di cubo ricavato dai cartocci del latte di tetrapack, tenuti chiusi con degli elastici

        la cosa bella è che anche il tuorlo all’interno assume la forma del contenitore…e sono belle da servire anche tagliate a metà. Con gli amici si fa un figurone

        spero di essere stata esaustiva 🙂

        fammi sapere se li fai con il cartoccio del latte 🙂

        • Reply islaura 26 luglio 2013 at 10:46

          Non pronunciare giapponese, che mi sento male, già c’è mia figlia che si vuole fidanzare con un giapponese e scappare in Giappone!!!
          Scherzooo, ma non troppo 😉

          Allora avevo visto qualche anno fa una cosa del genere sempre di questi orientali che fermavano le bacchette e l’uovo sodo veniva a a cuore, molto carino il risultato.
          Allora devo però sempre fare ‘ste uova sode…
          Speravo che mi risolvesse il problema all’origine.
          Ti faccio sapere per il bric, ma la vedo durissima, le mie non si spellano quasi mai 😉

          Baci

  • Reply carla 26 luglio 2013 at 8:56

    …ciao carissima!!! mooolto carini e spiritosi questi orecchini coloratissimi, ho visto che hai utilizzato quel benedetto cartoncino in modi incredibili, complimenti x le intuizioni!! :)))
    buona giornata!! 😀

    • Reply islaura 26 luglio 2013 at 9:07

      Grazie di cuore Carla 🙂
      In effetti mi piace come quel cartone reagisce al colore, non è il solito cartone scivoloso, è troppo bello!
      🙂 🙂 🙂

    Leave a Reply