estate, seta, tutorial, varie

Come fare delle nappine perfette

3 giugno 2014

come fare delle nappine perfette con piastra

Vi siete mai chieste come mai ci siano in giro nappine fantastiche e perfette?

Io sì, sempre, le mie mi riuscivano sempre disordinate e attorcigliate, sino a che non sono arrivate alla conclusione che potevano essere trattate come i capelli, pettinate e piastrate.

Sì, perché una volte create con il filo da ricamo che di solito è composto da tanti fili, ho pensato di pettinarle per bene (con uno spazzolino, non avendo un pettine a denti fitti sotto mano) e piastrarle con l’attrezzo che usano le miei figlie per i capelli. Il taglio di rifinitura è d’obbligo!

Ma vediamo come si realizzato per bene le nappine e come si procede per la loro creazione perfetta.

occorrente per creare nappine perfette

Occorrente:

  • fili di cotone o di seta per ricamo;
  • supporto rigido tipo cartoncino;
  • spazzolino da denti o pettine a dentini fitti;
  • piastra per capelli;
  • ago e forbici;
  • pinza per tenere il lavoro (opzionale).

Tempo di realizzazione: 5 minuti;

Difficoltà del lavoro: facilissimo.

Prima di cominciare: ho usato un supporto rigido per l’avvolgimento dei fili per regolare l’altezza delle nappine (6 cm.), in mancanza di quest’ultimo, l’avvolgimento può essere fatto sulle mani. Il filato usato è in seta, ma si possono realizzare con diversi filati, la seta è difficilmente lavorabile (scivola spaventosamente), se volete fare una prova fatelo con cotoni normali. Occorreranno 2 pezzi di filo da 30 cm, e 1 filo lungo 2 metri circa. La pinza per tenere in tensione il lavoro è stata necessaria vista la scivolosità del filo.

collage nappine perfette come fare

Foto 1: reperire un cartoncino e iniziare ad avvolgere il filo attorno allo stesso.

Foto 2: per una nappina alta 6 cm., basteranno 15 avvolgimenti. Tagliare il filo.

Foto 3: con 1 filo, del medesimo colore, lungo 30 cm. fare un nodo sopra prendendo tutti gli avvolgimenti. Questo servirà per trattenere tutto il mazzetto. Sfilare dal cartoncino.

Foto 4: con il filo rimanente (altro pezzo da 30 cm.) chiudere la nappina avvolgendo più volte il filo e fermare con qualche punto. L’avvolgimento sarà perpendicolare ai fili.

Foto 5: tirare bene tutto il gruppo di filati e tagliare.

Foto 6: pettinare con uno spazzolino o un pettine a denti fitti, sino a che tutti i fili saranno separati.

Foto 7: scaldare la piastra per capelli e passare dall’alto verso il basso. Il calore non dovrà essere eccessivo. Ripetere più volte

Foto 8: ecco la nappa appena creata. Rifilare con le forbici.

 

1 nappine perfette come fare

nappine in seta su bracciale 1

Pronte per l’invasione di questo bell’ornamento?

Io direi che mi sto attrezzando! 😉

Potresti essere interessato anche a :

11 Comments

  • Reply firmatocarla 3 giugno 2014 at 10:03

    oh, ecco il trucco!!! Le mie decorazioni simil nappine assomigliano sempre troppo a dei piccoli pon pon… la piastra ce l’ho, devo solo provare 😉
    grazie della dritta 😀 e un bacione!!!!
    come siete a fine anno scolastico? qui la pazzia dilaaaaagaaaaa :O

    • Reply islaura 3 giugno 2014 at 11:26

      Vivo alla giornata, con Emma con il dito rotto (checculo) tanti appuntamenti sono saltati, tipo pallavolo, concerti e robe varie che essendo saltate non le ricordo.
      Ma ci sono gli altri, non ti dico il delirio. IL DELIRIO!!!!!!!!!

      Come dicevo vivo alla giornata. Non voglio neanche sapere che cosa accadrà domani perchè oggi già ho la recita di uno e la festa di fine atletica dell’altro.
      Morirò giovane, me lo sento 😉

      Un bacio, dalla quasi defunta Laura.

      • Reply firmatocarla 3 giugno 2014 at 13:51

        manoooooo 🙁 il dito rotto noooo, povera, sarà arrabbiatissima per tutte le cose che si perde…
        macchè morire ggggiovane: quel che non ci abbatte all’istante ci rafforza… non era così ? 😉

        • Reply islaura 3 giugno 2014 at 14:50

          Sì penso che fosse una cosa del genere tipo: “se non fa morire, ingrassa!”

          Ebbene anche il dito rotto, io ho l’abbonamento all’ospedale, non parliamo poi di chirurgia della mano…
          Vabbè siamo a metà strada dell’imbragatura al dito, ormai è tutto in discesa! 🙂

          Un bacio!

  • Reply Claudia Porta 3 giugno 2014 at 17:16

    Proprio quello che cercavo! Perfetto per i Mala (braccialetti e collane per meditare) fai-da-te. Grazie!

    • Reply islaura 3 giugno 2014 at 19:21

      Grazie a te Claudia, sono felice che in questo post hai trovato quello che cercavi! La piastra funziona veramente!
      Una banalità, a me venivano nappine veramente orrende e la soluzione l’ho trovata guardando mia figlia piastrarsi i capelli! 😉

      Un bacio. Laura.

  • Reply Betta 3 giugno 2014 at 23:27

    Le nappine le ho sempre adorate da lontano e non mi ci sono mai messa sul serio a farle, ma dopo questo passo-passo ci voglio davvero provare!! Grazie!!
    Io la piastra la uso come stira-nastri riciclati (tipo quelli delle bomboniere…) e vengono benissimo!! ;-)))
    Kisssssssssssssssss

  • Reply Cucicucicoo: Ecological Living 6 maggio 2015 at 9:18

    Il tuo uso non ortodosso degli attrezzi mi fa impazzire! Ottima idea di fare così! 🙂 Lisa

    • Reply islaura 6 maggio 2015 at 12:36

      Grazie!!!

  • Reply Realizzare un bracciale a macramè: tutorial – Is laura 27 giugno 2015 at 16:04

    […] Per fare una nappina perfetta potete seguire questo mio tutorial! […]

  • Reply Collana con teschi lavorati all’uncinetto – Is laura 10 ottobre 2015 at 20:04

    […] con ago). Realizzare i teschi, cioè la base, e i fiorellini che diventeranno occhi. Per le nappine utilizzate il tutorial che trovate segnalato, sostituite il filo dell’apice con un anellino in […]

  • Leave a Reply