feltro, fiere, fiore, seta, varie

Abilmente marzo 2013

11 marzo 2013

fiore in feltro

5,30 sono le cinque e mezzo e sono ancora a letto.

Alle 5,45 dovrei raccogliere le mie amiche e partire alla volta di Vicenza, ma io devo ancora alzarmi, alzare Emma che verrà con me, fare la doccia, fare colazione, preparare la borsa e imbarcarmi in macchina.

Va a finire che dimentico qualcosa.

Sì, la macchina fotografica è rimasta irrimediabilmente a casa.

Bene la giornata è iniziata alla grande, ho sbagliato strada come al solito, invece di lanciarmi sulla A26 l’ho presa larga e ho fatto il giro da Genova imbarcandomi sulla A26, in quel momento mi è venuta in mente Barbara che mi ricorda sempre di stare attenta alle indicazioni stradali. 😉

Alla fine siamo arrivate, io ero già sfiancata alle 10 del mattino ma ormai che c’ero bisognava affrontare la giornata con dignità.

La fiera è pantagruelica, grande, vasta con tantissima gente ed estremamente calda.

Più passavano le ore e più faceva caldo, più faceva caldo più mi veniva voglia di uscire. Ho resistito sino alle 4 del pomeriggio e poi di nuovo in macchina per il ritorno.

Questa volta è andato tutto liscio, cioè le deviazioni le ho azzeccate tutte per cui siamo giunte a casa senza intoppi.

Ho incontrato tante creative e ho fatto qualche laboratorio.

I laboratori erano tantissimi, io mi sono impossessata di una creativa che lavorava il feltro. Ho fatto ben due laboratori sull’infeltrimento ad acqua perché non se ne sa mai abbastanza.

Ho opzionato per un paio d’ore le artiste di EGlatelier e ho lavorato con loro.Insomma mi hanno sopportato, hanno risposto alle mie infinite domande sulla tecnica del nunofeltro cioè la sperimentazione nell’accostamento di lana, seta e materiali naturali.

Abbiamo creato il fiore che vedete sopra con una tecnica base di infeltrimento e sovrapposizione delle fibre su sagoma quadrata. Successivamente con un taglio del pre-feltro si sono formati i petali. Sempre aiutata da Emmina.

fiore di feltro

E poi ecco a voi il mio fazzolettino di seta.

Eccolo infeltrito con la lana cardata e altre fibre naturali.

nunofeltro

Quello che mi piace di questa tecnica è la fusione di un tessuto con l’altro, di come si uniscano dando vita a qualcosa di straordinario.

nunofeltro

Ecco cosa intendo, forse la fotografia spiega meglio di qualsiasi parola.

Colori, profumi e consistenze diverse rendono le creazioni veramente magiche.

E poi c’erano le mie amiche, quelle nuove e quelle che ho nuovamente avuto la fortuna di incontrare.

Franca, Nicoletta, Dina, Filly, Katty poi la maga del freeform Laura Soria, la creativa super riciclosa  Cristina Sperotto, la bravissima Alessia Spalma e poi tantissime altre che mi perdonerete se non citerò perché la stanchezza annebbia la memoria. 😉

Un abbraccio a chi mi ha sopportato e assistito nel lavoro e a chi ho incontrato.

🙂 🙂 🙂

Potresti essere interessato anche a :

No Comments

  • Reply Moni 11 marzo 2013 at 21:39

    Che strana questa tecnica… Che effetti magici! Bravissima a farti due laboratori! Purtroppo non sono riuscita a incontrarti, la prossima volta ci daremo appuntamento! Ciao Moni

    • Reply islaura 12 marzo 2013 at 10:13

      Ciao Moni, veramente per un po’ sono stata in questo stand a lavorare il feltro.Quante cose c’erano…la prossima volta ci mettiamo d’accordo o ci scambiamo i numeri di telefono.
      Un bacio 🙂 🙂 🙂

      • Reply Moni 12 marzo 2013 at 14:48

        Faremo così!
        Ciao!

  • Reply Micol 16 marzo 2013 at 1:42

    Ciao!Sono arrivata per caso fin qui con molto piacere….complimenti. Le tue creazioni sono una più bella dell’altra!A presto!Ciao Micol

    • Reply islaura 16 marzo 2013 at 7:28

      Ciao Micol, grazie di cuore.Felice che le cosine che faccio ti piacciano, allora conto di vederti presto 😉
      Buon fine settimana.

    Leave a Reply